[Segnalazione] Un accordo maggiore in sottofondo di Ugo Cirilli

Miei cari Lettori, finalmente è sabato! Io passerò il pomeriggio a studiare in vista di un esame importante e so già che tutto il weekend sarà offuscato da questo evento! Chi studia o ha studiato conosce questo periodo: sessione d’esami per chi è universitario, maturità per chi si appresta a ricevere il diploma. E tutti sappiamo che quello di cui si ha bisogno è l’appoggio delle persone che ci stanno intorno.

Probabilmente un ottimo aiuto può arrivare anche dalle letture, in quei momenti in cui si vuole staccare dalle materie, a volte noiose, oppure la sera in quel lasso di tempo che ci separa dal sonno.

Oggi, prima di iniziare a studiare, voglio parlarvi di un particolare progetto che Ugo Cirilli mi ha spiegato e al quale voglio dedicare questo spazio, ovvero Un accordo maggiore in sottofondo.

Vi lascio in citazione ciò che mi ha scritto Ugo tramite mail, per spiegarvi questo progetto:

Un accordo maggiore in sottofondo” è un esperimento di unione tra i mondi della narrativa e della musica, nato proprio dall’idea di legare in un unico progetto due mie grandi passioni. Da anni, infatti, oltre a cimentarmi con la scrittura compongo brani musicali utilizzando il pc e le mie chitarre e, oggi, sono iscritto alla SIAE come autore, dopo un’esperienza di chitarrista in alcune band della mia zona.

Il protagonista del romanzo è Stefano B., un giovane musicista che accoglie i lettori con una singolare premessa: quello che leggeranno è un diario da lui redatto in un periodo complicato della sua vita, quando si trovava in un luogo lontano da casa per “riordinare le idee”.
Di che luogo si tratta? Che direzione ha preso la carriera di Stefano?

L’io narrante, nel suo diario, arriverà gradualmente a svelare tutti i particolari del suo percorso. Scopriremo che il successo di Stefano ha avuto origine da un brano musicale caricato quasi per scherzo su YouTube, la cui eco è giunta a un’etichetta discografica di livello nazionale, decisa a fare di lui un enigmatico dj. Così, il protagonista racconterà la girandola di movimentate esibizioni, apparizioni televisive, mondanità ridicole e incontri con personaggi chiave che lo ha travolto, conducendolo verso un epilogo inatteso. Parallelamente al racconto degli esordi, Stefano lascia trapelare qualche indizio sul luogo in cui si trovava, quando scriveva il diario; un elemento che introduce un lieve grado di suspense, fino al finale in cui tutto sarà chiaro.

Un accordo maggiore in sottofondo è un libro che cerca di mischiare narrativa e musica poiché ad un certo punto il protagonista invita i lettori a cercare i brani nascosti sul web. Come si avranno queste tracce? Lo spiega l’autore:

Alle tracce si accede fotografando con lo smartphone i relativi codici QR.

Quel è la novità di questo libro? Perché ha suscitato in me tanto interesse?
Perché Un accordo maggiore in sottofondo è oggetto di una campagna di crowdfunding su Bookabook e sarà pubblicato solo se raggiungerà i fondi necessari nel tempo previsto. Se la campagna non raggiungerà i fondi necessari, i lettori che hanno contribuito verranno rimborsati, anche quelli che hanno acquistato la bozza.
Ovviamente è importantissimo il PASSAPAROLA.

Adesso vi lascio un po’ di link utili per capire meglio tutte questa campagna di promozione per la pubblicazione del libro:

Questo è un progetto nuovo, vi dirò che è la prima volta che sento parlare del crowdfunding per i libri e devo dire che è molto interessante, forse un nuovo modo per pubblicare libri e farsi conoscere come scrittori.

Qualcuno di voi pensa di contribuire? Vi piace questa idea? Conoscevate questo mezzo di pubblicazione?

 

Fatemi sapere…

 

Scheggia

About Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.