[5 cose che…] 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

Buon pomeriggio!

Oggi sul blog troverete una nuova rubrica, ideata da Twins Books Lovers e che ogni venerdì vi terrà compagnia. L’idea è trovare 5 cose diverse per ogni settimana, così da non avere mai un post uguale ad un altro.
I blog partecipanti sono tantissimi e oggi l’argomento è: 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto.

Beh, siete pronti per scoprirli?

Anna Karenina

Questo è un classico che voglio leggere da una vita eppure non ho mai il tempo. È un libro che richiede un certo impegno, una certa libertà che al momento non ho. Spero di leggerlo dopo la laurea, ma so già che darò la precedenza ad altri libri.

L’amico ritrovato

Si. Mi vergogno. Mi vergogno perché ho questo libro in libreria da anni, ma ancora non l’ho letto. L’ho iniziato e lasciato da parte. Ho visto ragazzi e ragazze acquistarlo in libreria, obbligati dagli insegnanti mentre io continuo a lasciarlo in disparte, consapevole del peso di questa storia.

Il Grande Gatzby

Il Grande Gatzby per me è una causa persa. L’ho iniziato anni fa, prima che uscisse il film con Di Caprio, poi l’ho interrotto. L’ho provato a ricominciare e niente. Non l’ho ancora letto e qualcosa mi dice che non lo farò a breve.

I miserabili

Ho un’edizione dei Miserabili in due volumi, preso alla modica cifra di 4.90€. Libri nuovi, chiusi nella pellicola, presi grazie ad un’offerta Garzanti di anni fa. Eppure ancora non l’ho letto. Me ne vergogno? Un po’ ma conto di leggerlo dopo la laurea.

Le avventure di Oliver Twist

Le avventure di Oliver Twist si conoscono. Sappiamo la sua storia anche grazie ai libri di antologia, agli spezzoni che ci hanno permesso di leggere eppure non ho mai letto la sua storia per intero. Ho il libro fermo in libreria, in attesa del suo tempo.

Anche voi avete dei classici che non avete letto e di cui vi vergognate? Ce ne sono tantissimi, ma vi dirò la verità… io alcuni non ho proprio intenzione di leggerli!

 

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

24 Replies to “[5 cose che…] 5 classici che mi vergogno di non aver ancora letto

  1. Decisamente “Anna Karenina” fa parte dei grandi classici che molte di noi vorrebbero leggere ma che ancora non si sono decise ad affrontarlo. Spero prima o poi di riuscire a leggerlo!

  2. Oliver Twist mi era piaciuto molto e L’amico ritrovato è uno dei miei preferiti <3 Il Grande Gatsby ce l'ho anche io in lista 🙂 Mi sono iscritta al tuo blog, è molto bello complimenti!

  3. I miserabili è uno di quelli che vorrei leggere, uno dei tanti. Il grande Gatsby l’ho letto e mi è piaciuto abbastanza.

  4. Ciao! 🙂 Ho comprato “Anna Karenina” a inizio gennaio, ma non ho ancora avuto l’occasione di iniziare la lettura. Un’altra lettura che mi manca, e vorrei assolutamente recuperare, è “I miserabili”. 🙂

  5. Hai scelto dei titoli interessanti! Ho “Il grande Gatsby” sul kindle ma non mi decido mai a leggerlo… se non erro è anche un romanzo breve (non è un malloppone) quindi non capisco perché non provo a dargli un’opportunità subito invece di rimandare sempre…

  6. Ciao!! Avessi avuto un sesto posto, sarebbe stato sicuramente per L’amico ritrovato, l’ho recuperato lo scorso anno ma ancora non mi sono decisa a leggerlo, me ne vergogno anche io! Soprattutto perché è anche molto breve! Prima o poi arriverà l’ispirazione giusta 😀

    1. A volte sono proprio i libri brevi che ci “fregano” perché li continuiamo a rimandare, pensando che tanto sono poche le pagine e ci vorrà poco. Magari mettiamolo in WL per l’anno 😊

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.