I libri che non sono solo da leggere…

      6 Comments on I libri che non sono solo da leggere…

Miei cari Lettori, oggi è martedì e sono talmente presa dallo studio (dai credeteci!) che volevo parlarvi di quei libri che, in realtà, dovete (non volete) leggere.

Eh si, parlo dei libri di scuola/università che ci vengono assegnati per essere studiati, e che di solito riescono a farci fare questa espressione:

Più o meno questo semestre ho fatto questa espressione 4 o 5 volte, in tutte quelle occasioni in cui i professori hanno detto ad alta voce la seguente frase: «Ecco i titoli dei libri di testo che dovrete studiare…»
Lettori cari, vi giuro che io sono sommersa da libri universitari; facendo un conto ne ho da studiare (tra giugno e settembre) ben… 16!

Ma potrebbero aumentare!

Solo all’università mi succede di piangere perché sommersa di libri, considerando che a casa ne avrò il doppio ancora da leggere e che non vedo l’ora di sfogliare (dai classici alla narrativa moderna).

E non so voi, ma io leggo i libri universitari alla velocità di una tartaruga. È impressionante come io riesca ad impiegare un’ora per leggere 10 pagine, che ne so, del libro di marketing e invece con un’ora mi leggo il triplo delle pagine di un romanzo. Se avete la soluzione a questo dilemma, spiegatemelo!

E vogliamo parlare della precedenza?
Teoricamente l’università dovrebbe avere la precedenza, ma secondo voi è così? Ovviamente no.
Ogni momento è buono per leggere.
Ogni momento è sbagliato per studiare.

Alla fine giugno e settembre arriveranno e sono sicura che non potrò raccontare, durante gli esami, di aver letto altri libri, preferendoli a quelli universitari.

Chi di voi si trova nella mia stessa situazione?
Prima o poi bisognerà aprire un gruppo di supporto studio/lettura.

Chi di voi ancora studia? E chi invece lavora, come si organizza con le letture? Lo trovate il tempo?
Io spero di trovarlo sempre, sennò volendo possiamo far richiesta di allungare le giornate a 48h.
Ci riusciremo?

 

Scheggia (risucchiata dall’università)

 

About Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

6 thoughts on “I libri che non sono solo da leggere…

  1. Sara

    Sono nella tua stessa situazione. E devo dire che 16 libri non mi sembrano niente in confronto. A volte ce ne assegnano 12 per un esame da soli 6 CFU. Il brutto sta proprio nel dare la precedenza, quando non riesco proprio a scegliere confesso di fare la conta 🙂 Però ho notato che leggere durante la preparazione agli esami mi aiuta perché mi ricorda che la lettura può essere ancora un piacere e non solo un obbligo.

    Reply
    1. Scheggia Post author

      Più di 16? Oh mamma! Che studi? Comunque io trovo assurdo anche quattro libri per un esame da 6 crediti! E comunque, a fronte di queste dichiarazioni, direi che è necessario richiedere un aumento di ore giornaliere, se non a 48h almeno a 36h!

      Reply
      1. Sara

        studio lettere moderne. Sì, per soli due esami e solo fino a metà aprile devo finire in tutto 15 libri (sempre se uno dei prof non decide di darmene altri.. perché sì, accade anche questo..) fino a settembre invece non ci voglio neanche pensare.. 🙂

        Reply
        1. Scheggia Post author

          Ah ecco! Io ho un corso a scelta (e che non sceglierò) che prevede da solo sui 7 libri. A volte però credo ci siano esagerazioni! Anche per i costi!

          Reply
  2. Arianna

    Ricordo che a volte i libri che mi assegnavano a scuola erano così noiosi che non riuscivo a leggerli… però alcuni invece scoprivo che erano belli… quindi in bocca al lupo e spero tanto che ti possano piacere!!!

    Reply
    1. Scheggia Post author

      Si è vero! Alcuni sono davvero belli (una sorpresa direi). Il problema sono i mattoni infiniti, quelli che solo quando li compri hai il timore che sarete compagni per davvero tanti mesi!

      Reply

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.