Il cambio nome. Come mai?

Se qualcuno ha iniziato a seguire questo blog, si sarà accorto che c’è un cambiamento di nome. Mi sono accorta che c’era già un blog con un nome molto ma molto simile e questo poteva creare problemi nella ricerca di questo blog su Google.
Quando l’ho scoperto mi sono sentita un po’ demoralizzata.
Chi ha un blog sa quanto tempo ci vuole a cercare un nome, qualcosa che sia d’ispirazione per chi legge e che faccia sorridere anche chi scrive e ammetto di aver cercato diversi nomi per questo progetto, nomi che tuttavia erano già occupati.
Poi oggi sono andata a fare spesa e mentre cercavo le chiare dell’uovo (avete presente i cartoni del latte? Ecco, solo che dentro invece del latte c’è il bianco dell’uovo) e i biscotti, ho cominciato a pensare ad un nome che potesse essere più mio, un nome che significasse qualcosa, poi lampo di genio ed che esce Scheggia tra le Pagine!
Perché Scheggia? È il soprannome datomi dal mio ragazzo e a furia di sentirmi chiamare così ormai ci ho fatto l’abitudine e mi piace molto.
Da cosa deriva? Probabilmente l’abbiamo sentito insieme guardando Una Mamma per Amica quando Logan inizia a chiamare così Rory.
Sentendo ormai così mio questo soprannome e volendo parlare di libri, ho messo insieme le due cose e il blog ha avuto un nuovo nome, tutto suo e spero senza sosia in giro (ma probabilmente ci saranno perché il web è pieno di blog).

Detto questo, appena finirò Orgoglio e Pregiudizio vorrò fare la prima recensione di un altro libro, quindi se volete la recensione di un libro in particolare ditemelo e sarò felice di fornirla.
Tra qualche giorno posterò anche la classifica dei libri più venduti e vedremo chi è che domina in questo periodo.

Per chi mi segue, continuate a seguirmi e ne sarò molto felice.
Per chi non mi segue… perché non cominciare?

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura.
Entro in libreria ogni volta che ne ho l’occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza.
Amo il mondo dei libri e dell’editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci.
Io continuo a sperare!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.