[Le saghe letterarie] Origin – Lux

Buon sabato Lettori!

Domani è Pasqua e a casa mia si mangerà tanto cibo! Da me si usa fare la colazione salata (con l’uovo sodo anche) e la “abbino” anche al cioccolato delle Uova, tanto che Cracco mi ammetterebbe per direttissima alla finale di Masterchef!

Questa giornata è iniziata con un po’ di mal di testa, probabilmente dovuto alla primavera che con il polline e le allergie mi fa starnutire di continuo.

Oggi però voglio parlarvi di Origin e non della mia allergia, che meriterebbe un post a parte e tanta comprensione verso coloro che ne soffrono!
Origin è il quarto capitolo della saga Lux ed è quello che ho preferito!

Titolo: Origin
Autore: J.L. Armentrout
Casa Editrice: Giunti
Prezzo: 12.00 €
Ebook: 6.99 €

origin

Trama:

Sono passate trntuno ore, quarantadue minuti e venti secondi da quando le porte del quartier generale di Dedalo si sono chiuse, separando Daemon da Katy, rimasta nelle mani del nemico. E la rabbia che il giovane alieno sente bruciare dentro cresce a ogni istante, facendo tremare le pareti della cella in cui i suoi stessi compagni lo hanno rinchiuso per impedirgli di andare a salvare Katy: una follia che metterebbe a rischio la sua vita e la sicurezza dell’intera comunità dei Luxen. Ma Daemon sa che niente e nessuno potrà mai tenerlo lontano dalla ragazza che ama: anche se questo significasse radere al suolo tutto il suo mondo. Katy, intanto, può solo cercare di sopravvivere. Tenuta prigioniera e sottoposta a misteriosi test, entra in contatto con gli uomini di Dedalo, scoprendo scenari finora insospettabili che mettono in crisi tutte le sue certezze. È davvero possibile conoscere fino in fondo quelli che ami? Chi sono i cattivi? Dedalo? Gli umani? O magari gli stessi Luxen?

Questo è il libro della saga che ho preferito, ancora più del finale del quinto.
Origin inizia col botto e continua in un crescendo di emozioni e rivelazioni. Katy diventa sempre più forte, non solo fisicamente ma caratterialmente; Damon ritrova parte del carattere forte, senza mai perdere l’amore per quella ragazzina che diventa forte quanto lui (o di più?).

E poi c’è Dedalo, i Luxen e gli umani e come in ogni guerra (perché di guerra di tratta), bisogna capire chi sono i buoni, chi i cattivi e davvero si può tracciare la netta linea per dividere il mondo in buoni e cattivi.
Una cosa è certa in questa storia: non si riesce a non fare il tifo per questa coppia che ne passa di tutti i colori.

Se devo fare un appunto, mi sarebbe piaciuto leggere qualcosa di più su Beth e Dawson (non la loro storia iniziale eh); nel libro vengono un po’ lasciati indietro ed è un peccato perché come personaggi avevano del potenziale!

Come già detto, ho amato e divorato questo libro: c’è una continua suspence, non sai come andrà a finire, se avere paura o essere temeraria; non sai se ci sarà quel lieto fine che tutti si aspettano o se i cattivi sono dietro l’angolo.

Ci si può fidare davvero della famiglia?

Se avete letto i precedenti, non posso non consigliarvi questo libro e spero davvero che piaccia a voi, tanto quanto è piaciuto a me.

Una cosa è certa: dopo aver letto questi, io ho davvero tanta voglia di leggere gli altri libri della Armentrout!

La prossima settimana ci sarà il finale e poi magari, un post di riepilogo per parlare senza il rischio di spoiler, dedicato a chi ha già letto questa saga e ne vuole parlare liberamente.

Allora, chi di voi ha letto questa saga?
Concordate con me o non v’è piaciuta?
Fatemi sapere!

 

Scheggia

 

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura.
Entro in libreria ogni volta che ne ho l’occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza.
Amo il mondo dei libri e dell’editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci.
Io continuo a sperare!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.