[Premio Bancarella] Alla scoperta dei Librai…

Buon lunedì Lettori e buon inizio di settimana!

Questo 10 aprile si apre con un post particolare, dedicato al Premio Bancarella. Io e io il blog Mr Ink. Diario di una dipendenza vi parleremo dei librai che aderiscono al Premio, sperando di colmare alcune vostre curiosità.
Non sarà facile parlarne, è un argomento così interessante e importante che sbagliare è davvero semplice, ma farò del mio meglio per farvi arrivare alla fine di questo post con un sorriso e tanta conoscenza in più.

Era un vecchio che pescava da solo su una barca a vela nella Corrente del Golfo ed erano ottantaquattro giorni ormai che non prendeva un pesce. Nei primi quaranta giorni lo aveva accompagnato un ragazzo, ma dopo quaranta giorni passati senza che prendesse neanche un pesce, i genitori del ragazzo gli avevano detto che il vecchio ormai era decisamente e definitivamente salao, che è la peggior forma di sfortuna, e il ragazzo li aveva ubbiditi andando in un’altra barca che prese tre bei pesci nella prima settimana.
[Il vecchio e il mare – Ernest Hemingway. Vincitore del Premio Bancarella 1953]

Trovare informazioni non è stato facile ma alla fine ci sono riuscita, quindi immergetevi con me in queste belle notizie. Ho scoperto delle cose sul Premio Bancarella che trovo davvero interessanti e credo lo saranno anche per voi.

«Uno a un certo punto si alzò, alto e massiccio, con i baffoni all’umbertina, e disse: “Ed ora, amici, propongo un solenne giuramento: quello di ritrovarsi nel nostro paese, ogni anno, in un dato giorno, a questa stessa ora, finché Iddio ci conserva, e fare una bella mangiata”. Seguì un lungo silenzio; poi i librai alzarono lentamente all’altezza del viso la mano e giurarono».
Così nasce il Premio Bancarella, l’unico premio letterario gestito esclusivamente dai librai.
[Cit. Premio Bancarella Site]

Ma chi sono questi librai? Mi sono domandata, chi può segnalare i libri da inserire nella sestina? E chi vota? 

Non tutti i librai possono partecipare, non tutti possono inviare le segnalazioni dei libri che parteciperanno al Bancarella.

Solo le librerie indipendenti possono aderire a questo progetto, ma ad una condizione: devono essere soci dell’Unione Librai Pontremolesi (ULP) o dell’Unione Librai delle Bancarelle (ULDB). Il direttivo di queste fondazioni chiedono ai librai le segnalazioni, quest’anno inviate entro il 10 febbraio; tra questi titoli verranno scelti i sei libri che formeranno la sestina finale.

E se prima erano librai ambulanti, che verso la fine dell’800 avevano iniziato ad incontrarsi, adesso non sono più ambulanti ma continuano ad incontrarsi per portare avanti questa prestigiosa tradizione, importante sia per gli autori che per i librai.

I librai inviano alla segreteria della propria associazione, circa 10 titoli:

Il Comitato Organizzatore, nel periodo settembre-febbraio, raccolte le segnalazioni pervenute, dai librai, individua un congruo numero di volumi che per le tematiche trattate, l’apprezzamento ricevuto dal pubblico dei lettori e la qualità letteraria, rispondano ai requisiti previsti negli articoli 1 e 2 del presente regolamento.
[Art. 3 del Regolamento]

Ma chi sceglie il vincitore? Ben 150 librerie selezionale manderanno una scheda con 3 preferenze; le schede arriveranno ad un notaio che le conserverà fino al giorno della premiazione. Il Premio Bancarella è interamente in mano ai librai, infatti non c’è nessuna giuria che si occupa di votare il finalista, bensì il libro con più voti vincerà l’ambito Premio.

Dal 1953 i librai s’impegnano a selezionare dei libri, li votano e conferiscono questo premio al libro che secondo loro lo merita di più.

Quest’anno i libri selezionati sono:

  • La Locanda dell’Ultima Solitudine di Alessandro Barbaglia;
  • I medici di Matteo Strukul;
  • Gocce di Veleno di Valeria Benatti;
  • Il giardino dei fiori segreti di Cristina Caboni;
  • La guardia, il poeta e l’investigatore di Jung-myung Lee;
  • Magari domani resto di Lorenzo Marone.

Il 16 luglio a Pontremoli insieme a tanti librai, scopriremo il vincitore di questo ambito Premio, intanto però spero di avervi tolto qualche curiosità con questo mio articolo.

Scheggia

 

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

2 Replies to “[Premio Bancarella] Alla scoperta dei Librai…

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.