[Recensione] «Domino Letterario» Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro

Buongiorno Lettori!

Oggi torna l’appuntamento con il Domino Letterario e, grazie a questa iniziativa, ho avuto l’occasione di recuperare un libro che da tempo era fermo nella mia libreria. Oggi vi parlerò di Non Lasciarmi di Kazuo Ishiguro, autore che ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura nel 2017.

Non lasciarmi
Kazuo Ishiguro
Einaudi
Prezzo: 13.00 €
eBook: 7.99 €

Trama: Kathy, Tommy e Ruth vivono in un collegio, Hailsham, immerso nella campagna inglese. Non hanno genitori, ma non sono neppure orfani, e crescono insieme ai compagni, accuditi da un gruppo di tutori, che si occupano della loro educazione. Fin dalla più tenera età nasce fra i tre bambini una grande amicizia. La loro vita, voluta e programmata da un’autorità superiore nascosta, sarà accompagnata dalla musica dei sentimenti, dall’intimità più calda al distacco più violento. Una delle responsabili del collegio, che i bambini chiamano semplicemente Madame, si comporta in modo strano con i piccoli. Anche gli altri tutori hanno talvolta reazioni eccessive quando i bambini pongono domande apparentemente semplici. Cosa ne sarà di loro in futuro? Che cosa significano le parole “donatore” e “assistente”? E perché i loro disegni e le loro poesie, raccolti da Madame in un luogo misterioso, sono così importanti?

La prima volta che cogli l’immagine di te attraverso gli occhi di una persona simile, è una sensazione tremenda. È come passare davanti a uno specchio davanti al quale sei passata ogni giorno della tua vita, e che all’improvviso riflette qualcos’altro, qualcosa di strano e inquietante.

Alcuni libri sono difficili da recensire, perché spesso non sappiamo cosa dire. Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro è uno di quei libri difficili, un po’ per la tristezza che permea le varie pagine, un po’ per l’argomento, molto astratto eppure drammaticamente pauroso.

Dalle prime pagine capiamo che c’è un vago mistero che si cela dietro le parole «Donatore» e «Assistente» e per quanto possa essere comprensibile, la mente tende a mettere da parte il loro vero significato, negando l’evidenza che si cela dietro i toni cupi e tristi di Kathy, voce narrante di questo romanzo, ragazza che attraverso i ricordi ci conduce negli anni della sua infanzia, dell’adolescenza e infine dell’età adulta, raccontandoci non solo della sua vita a Hailsham e nei Cottages, ma soprattutto dei suoi rapporti con Tommy e Ruth.

È un trio particolare quello di cui leggiamo, ma soprattutto sono i toni narrativi a far venire la pelle d’oca, il distacco con il quale si affrontano gli argomenti quali la vita e il sesso, il futuro e i rapporti personali, come se fossero semplici parti di un ingranaggio a loro conosciuto, come se fossero loro stessi parte di una macchina in moto da molto tempo.

La narrazione viaggia spesso tra i ricordi di Kathy, questo porta ad avere una lettura non proprio scorrevole; non è un libro che si legge in poche ore e personalmente neanche in due giorni. È un libro che ha bisogno del suo tempo, del suo spazio e dell’umore giusto.

È sicuramente un libro che fa riflettere, che indaga nella mente di chi legge e che inevitabilmente porta a domandarsi “Chi è un essere umano?”, “Esiste una sua definizione?”. Questo è un libro che vi lascerà con tanta tristezza sul cuore e anche un po’ di rabbia.

E voi avete mai letto niente di questo autore? Io ve lo consiglio e vi ricordo che questa recensione fa parte del Domino Letterario di Maggio e vi invito a curiosare negli altri blog, così da scoprire libri nuovi!

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

12 Replies to “[Recensione] «Domino Letterario» Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro

  1. Questo è un libro che ho in wishlist da un po’, dopo la tua recensione non vedo l’ora di leggerlo! Bravissima come sempre, Deborah!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.