[Recensione] Il contratto di Elle Kennedy

Buon pomeriggio Lettori!

Ho appena finito di prendere il caffè e seduta sul mio divano giallo ho deciso di scrivere finalmente la recensione de Il contratto, il primo volume della Campus Series scritta da Elle Kennedy e pubblicata in Italia da Newton Compton Editore.

Avevo visto questo titolo in ebook già da un po’ e quando è uscito in cartaceo mi sono detta “Perché no?” e quindi l’ho comprato.
Sono stata influenzata, lo ammetto, lo ammetto, dalle tante recensioni positive e dall’entusiasmo di molte blogger quindi l’ho acquistato e l’ho letto in piena sessione d’esame, avendo bisogno di una lettura leggera.

Il contratto
Elle Kennedy
Newton Compton Editore
Prezzo: 9.90 €
eBook: 0.99 €

Trama: Hannah Wells è una studentessa modello. Una di quelle ragazze intelligenti che al college non godono di nessuna popolarità. Ora si è presa una bella cotta per il ragazzo più fico della scuola, ma c’è un problema: per lui Hannah non esiste. Come riuscire a farsi notare? Garrett Graham è un bad boy, ed è anche uno dei ragazzi più popolari della scuola, grazie alle sue imprese sul campo da hockey. Ma le speranze di un grande futuro rischiano di andare in fumo perché i suoi voti sono troppo bassi. Avrebbe bisogno di un aiuto per superare l’esame finale e poter diventare un giocatore professionista… E allora è naturale che i due stringano un patto. Hannah sarà la tutor di Garrett fino alla fine dell’anno. In cambio, Garrett fingerà di uscire con lei per accrescere la sua fama: a quel punto tutti la noteranno di sicuro. Ma qualcosa va storto e quel bacio in pubblico, tra Hannah e Garrett, non sembra poi così falso…

Dalla trama diciamocelo, si pecca di banalità però ogni banalità va scritta bene, sennò diventa un’accozzaglia di parole messe sulla stessa linea, che vanno a capo quando lo spazio finisce.
Il contratto non sarà una storia del tutto originale, questo perché ricorrono elementi che troviamo spesso in alcuni romanzi attuali, però in questo libro i vari elementi si incrociano alla perfezione, dando vita ad una trama ben legata, con elementi classici dei romanzi e altri che vengono sapientemente modificati per dare vita a una storia in grado di tenere il lettore appeso.
Questo per dirvi che, appena finito l’esame, sono tornata a casa e ho finito il romanzo. Non vedevo l’ora.

Protagonisti di questa storia sono Hannah, studentessa di musica e Garrett, giocatore di Hockey su ghiaccio nella squadra del college. Due persone che non hanno niente in comune, se non fosse che Garrett colleziona un brutto voto in Etica filosofica e questo potrebbe mettere a rischio il suo futuro in squadra.
L’unica ad aver preso una A è Hannah e Garrett non vuole farsi sfuggire la possibilità di recuperare quel voto, anche se questo vuol dire chiedere ad Hannah di essere la sua tutor.

E cosa succede se una studentessa di musica, cotta di uno studente di Football, si mette a dare ripetizioni a Garrett Graham, astro nascente dell’Hockey su ghiaccio? Il risultato ve lo lascio immaginare.

Un mix di elementi che si conoscono e che non riesco a non apprezzare. Di questo romanzo ho davvero apprezzato i protagonisti: Hannah non è la classica ragazza che si piange addosso. Già dalle prime righe si scopre che è stata vittima di stupro anni prima e questo l’ha inevitabilmente segnata, senza però evitarle di vivere la sua vita. Ha alcune manie, alcune preoccupazioni più che normali, che vengono a galla mentre il rapporto con Garrett muta. Hannah è forte e allo stesso tempo fragile, sopravvissuta ad un avvenimento che non potrà cancellare dalla sua vita.

Sarei dovuta semplicemente sgattaiolare fuori dalla sua stanza mentre dormiva e fare finta di non essermi mai buttata tra le sue braccia ieri notte.
Ma poi Garrett si avvicina e mi accarezza la guancia con una tenerezza infinita, e qualcosa dentro di me si sblocca.
Lascio andare un respiro tremolante. «Sono rotta, e volevo che tu mi aggiustassi».

E qui passiamo a Garrett.
Lui è fantastico! Non è solo un bel ragazzo ma è un ragazzo con degli obiettivi, che non vive ubriacandosi e andando a letto con donne ogni notte. Sa di non volere una storia, sa che ogni avventura resta tale e che l’alcool lo distoglierebbe dai suoi obiettivi. Sa che l’amore non è qualcosa di molto semplice e non sa neanche come potrebbe mai trovarlo. Poi incontra Hannah e tutto cambia. Emerge il lato romantico, dolce e divertente di Garrett. In parte ci si stupisce di leggere di un ragazzo così e la stessa Hannah se ne stupisce.

E questo non fa che dimostrare che Hannah Wells è… meravigliosa. Lei è straordinariamente in sintonia con me, con i miei stati d’animo, con la mia sofferenza. Non sono mai stato con nessuna che riuscisse a comprendermi così bene.

È un romanzo scritto in maniera davvero semplice, scorrevole e ci si immerge totalmente nella lettura. Ci saranno quegli elementi che andranno contro i due protagonisti, ma saranno presenti anche gli amici e si sa già che i coinquilini di Garrett saranno i protagonisti degli altri libri della serie; direi che il primo volume di The Campus Series è davvero un ottimo inizio per regalarci delle letture piacevoli e divertenti, quelle che ti fanno battere il cuore, che t’impediscono di fare altre perché dannazione, dobbiamo finire il libro! Una di quelle letture che ti fanno attorcigliare lo stomaco, che ti fanno sorridere, arrabbiare e fare il tifo per i protagonisti. Una di quelle letture che ti spingono a girare la pagina, ancora e ancora perché ogni loro contatto è wow! 

Mi è piaciuto! Mi è piaciuto perché anche la storia più banale può essere bellissima se narrata bene e questa secondo me lo è.
Se volete leggere qualcosa di leggero che vi farà battere il cuore, dovete proprio acquistare questo libro.

Detto ciò il secondo volume della serie è dedicato a Logan, s’intitolerà Lo sbaglio e uscirà il 27 febbraio. Io non vedo l’ora di avere quel libro tra le mani, perché anche nel primo ho adorato i pochi momenti con Logan presente. Riuscirà a superare Garrett?

E voi Lettori l’avete letto o lo volete leggere? Io ve lo consiglio!

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

3 Replies to “[Recensione] Il contratto di Elle Kennedy

  1. Concordo pienamente, ho adorato questo romanzo. Una storia poco originale ma scritta bene, con dei personaggi ben strutturati

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.