[Recensione] Il mio migliore sbaglio di R.S. Grey

Buon martedì miei cari Lettori!

Oggi è una giornata bella piena (ma vah?) e io ovviamente dovrei studiare per un esame che ho la prossima settimana. Finalmente è l’ultimo di questa sessione estiva, che in realtà è stata un po’ altalenante, complice la voglia di leggere sempre altro. So che voi mi capite!

Oggi voglio parlarvi di un romanzo che ho avuto modo di leggere recentemente e che, udite udite, mi è davvero piaciuto. Un New adult direi, dai toni sportivi, ottimo da leggere in questa estate densa di eventi, quali gli Europei e le Olimpiadi.

Titolo: Il mio migliore sbaglio
Autore: R.S. Grey
Casa editrice: Mondadori
Prezzo: 19.00 €
Ebook: 9.99 €

Trama:  Le selezioni per le Olimpiadi sono alle porte e l’ultima cosa che la diciannovenne Kinsley Bryant deve fare è distrarsi con Liam Wilder. Lui è un calciatore professionista, un bad boy adorato in America e ha tutte le caratteristiche del seduttore di talento: • un viso che fa piangere le ragazze √ • degli addominali su cui si potrebbe grattugiare il parmigiano (quello buono) √ • abbastanza fiducia in se stesso da sfuggire alla forza di gravità √√ Per non parlare del fatto che Liam è assolutamente off limits. Proibito. Gli allenatori lo hanno detto chiaramente a Kinsley e alle sue compagne: “concedetevi qualsiasi forma di fraternizzazione extra-allenamento con lui e verrete sbattute fuori da questa squadra più in fretta di quanto voi possiate contare i suoi tatuaggi”. Ma ciò non ha fatto che renderlo ancora più attraente. E poi Kinsley ha già contato i tatuaggi visibili e non è certo il tipo di persona che lascia le cose in sospeso…

La chimica tra lei e Liam è innegabile e presto si trovano costretti a combattere per tenere segreta la loro storia – tra paparazzi invadenti, compagne di squadra invidiose, dubbi e fraintendimenti. Ma entrambi sono determinati a vivere il sogno sportivo quanto il loro amore e nulla riuscirà a dividerli o scoraggiarli…

Kinsley ha un sogno: partecipare alle olimpiadi giocando a calcio. Una ragazza forte, determinata, consapevole della sua forza e della sua bellezza. Non è il classico personaggio timido, privo di esperienza, senza alcuna forza di volontà. No. Kinsley è una donna che non rinuncia alle feste, all’amicizia o all’amore, ma conosce le sue priorità, e il calcio è al primo posto.

Liam ha sempre avuto tutto. Sponsor, donne e un corpo che fa perdere la testa. Consapevole della propria bellezza sa che dovrà mettere la testa a posto, altrimenti alcuni sponsor richiano di abbandonarlo.

Poi Kinsley e Liam si incontrano e niente potrebbe essere più sbagliato, perché nessuno vuole mettere a repentaglio il bene della squadra o le selezioni per le Olimpiadi.

Questo romanzo, un New Adult, mi è davvero piaciuto. Il traino principale è lo sport: si parla di allenamenti (senza entrare nello specifico rischiando di annoiare) e amicizia, il rapporto con le compagne di squadra e quelli più difficili con le anziane.
C’è una Kinsley esplosiva, che trascina Becca ed Emily nel suo vortice di pazzia, contagiandole di vita. Il rapporto di amicizia non viene mai messo da parte, anzi ha un ruolo dominante.
Il rapporto con Liam è forse un po’ troppo veloce ma si cerca sempre di mantenere una certa distanza: si parla di attrazione e non di amore, nonostante tra i due sia Liam quello più coinvolto (d’altronde vedrete che il passato di Kinsley non è proprio una passeggiata di salute, in fatto di amore).

Un romanzo ben scritto, aiutato forse dalla narrazione in prima persona che permette determinate libertà in ambito linguistico. E dopo questa storia, a chi non viene voglia di dare un calcio ad un pallone?

Non conoscevo questa autrice e spero di recuperare altri suoi romanzi, magari anche in lingua originale.

Non vi ho detto che ho avuto modo d’incontrare questa autrice il 24 giugno a Roma, ma in un altro post vi racconterò l’esperienza di Scheggia a Roma!

Intanto Lettori io vi consiglio questo libro, per leggere una bella storia con alcune scene un po’ piccanti e una bella storia d’amore e sport. Ripeto, a breve ci saranno le Olimpiadi. Volete sapere se Liam e Kinsley giocheranno?

Chi di voi lo ha già letto? Vi è piaciuto?

Fatemi sapere…

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura.
Entro in libreria ogni volta che ne ho l’occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza.
Amo il mondo dei libri e dell’editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci.
Io continuo a sperare!

2 Replies to “[Recensione] Il mio migliore sbaglio di R.S. Grey

  1. Ciao Scheggia, ho letto questo romanzo ma non è stato amore tra noi due. Non l’ho apprezzato così come avrei voluto, difatti la mia recensione è un tantino negativa.
    Sono contenta che invece a te sia piaciuto.
    Un saluto, R.

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.