[Recensione] Io e te come un romanzo di Cath Crowley

Buongiorno Lettori!

Oggi sarà per me una giornata impegnativa però devo dire che mi sento felice, perché ho concluso il primo capitolo della tesi (mancano alcune note) e non so, ho come l’impressione che il lavoro stia prendendo forma. È una corsa contro il tempo, ma speriamo bene!

In questa mattinata voglio parlarvi di un libro che ho finito recentemente, uscito da poco in libreria e che mi ha piacevolmente colpito, ovvero Io e te come un romanzo di Cath Crowley.

Io e te come un romanzo
Cath Crowley
DeAgostini Planeta
Prezzo: 14.90 €
eBook: 6.99 €

Trama: Ci sono ferite che non si rimarginano, giorni che non si dimenticano. Come quello in cui il cuore di Rachel si è spezzato per la prima volta. È una notte d’estate, e lei sta per trasferirsi dall’altra parte del Paese. Nelle ore che restano prima della partenza vuole dire addio a tutto ciò che sta lasciando: la scuola, gli amici e, più di ogni cosa, Henry Jones, il ragazzo che conosce da sempre, con cui ha condiviso le letture, i sogni, le paure e le passioni. Così, Rachel entra furtivamente nella libreria gestita dai Jones e infila una lettera tra le pagine del libro preferito di Henry. Una lettera in cui gli confessa il suo amore, un messaggio in bottiglia lanciato in un oceano di parole, a cui lui non risponderà mai. Sono passati tre anni, e quel giorno sembra appartenere a un’altra vita perché Rachel, nel frattempo, ha perso il fratello; e lei non è che l’ombra di quel che era. Il dolore la soffoca, e sembra che l’unica via d’uscita sia tornare a casa e riavvicinarsi alle cose che ama di più: la libreria e Henry. I due iniziano a lavorare fianco a fianco, circondati dai libri, confortati dalle voci senza tempo di scrittori e poeti. E, mentre tra gli scaffali impolverati si intrecciano le storie di un’intera città, Henry e Rachel si ritrovano. Perché non c’è posto migliore delle pagine di un libro per ritrovarsi.

Io e te come un romanzo è una storia di Cath Crowley che attraverso gli occhi di Rachel e Henry, ci racconta le vicende che si susseguono in una libreria particolare a gestione famigliare, la Howling Books.
Scopriamo da subito che Rachel e Henry erano amici, migliori amici, tuttavia le coincidenze li spingeranno ad allontanarsi: l’arrivo di Amy, la partenza di Rachel, una lettera d’amore che sembra non aver prodotto risultati.

La storia inizia tre anni dopo la partenza di Rachel, con il suo ritorno e un segreto che le pesa sul cuore, un segreto che svela subito al lettore e che invece evita di raccontare ai suoi amici. E poi c’è Henry, che lei tratta freddamente e che non capisce.

Protagonista principale e indiscusso di questa storia, nonostante la narrazione a due voci, è la Biblioteca delle lettere, un luogo che vorrei trovare in ogni libreria, un luogo così magico che durante la lettura mi domandavo per quale motivo non ce ne fosse una in ogni luogo.

La Biblioteca delle lettere è una sezione della libreria in cui i libri non sono in vendita. I clienti possono leggerli, ma non portarli a casa. Il concetto è che possono sottolineare le parole o le frasi che amano. Possono scrivere note a margine. Possono lasciare lettere per le persone che li hanno letti e sono passate da lì prima di loro.

I libri sono parte della storia, una parte importante, perché al di là dei personaggi che hanno le loro storie, si nota come i libri sono il loro porto sicuro e nei momenti di sconforto, aprirne uno è la migliore delle cure.

Parlando dei personaggi, mi è piaciuta molto Rachel, soprattutto all’inizio quando risponde per le rime mentre Henry è… Henry. Un ragazzo che sembra vivere nella convinzione che va bene vendersi anche l’anima per far felice una fidanzata che non apprezza il suo lavoro e in qualche modo lo incolpa per i pochi soldi che guadagna.
Molto interessante la storia d’amicizia che s’instaura tra George, la sorella minore di Henry, e Martin il ragazzo che li aiuta in libreria. Chissà, magari in futuro leggeremo qualcosa su loro due. Sarebbe interessante!

Complessivamente questo romanzo mi è piaciuto, soprattutto perché i libri sono davvero protagonisti e non si può far a meno di segnare alcuni titoli che i protagonisti leggono o ci raccontano.
Un romanzo che si legge in qualche giorno e che ci lascia con un misto di sorriso e amarezza, gioia e tristezza.

Un romanzo che vi consiglio di leggere per passare un po’ di tempo con una bella storia, dove i libri sono protagonisti.

Lo avete già letto? Lo leggerete?

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

2 Replies to “[Recensione] Io e te come un romanzo di Cath Crowley

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.