[Recensione] Nerve di Jeanne Ryan

      6 Comments on [Recensione] Nerve di Jeanne Ryan

Buon lunedì Lettori!

Si ricomincia la settimana e io devo anche riprendere a studiare. Direi che il divertimento è finito e che adesso bisogna sgobbare per arrivare contenti fino a novembre! Ho anche deciso che per la fine degli esami voglio fare qualcosa di carino, quindi mi inventerò qualcosa sul blog. Intanto oggi voglio parlarvi di un libro che ho avuto l’occasione di leggere in anteprima e per questo ringrazio tantissimo la Newton Compton per avermi fornito la copia e ringrazio anche tutte le ragazze del Blogtour, ci siamo divertite insieme! 
E adesso vediamo cosa ne penso di Nerve…

Nerve
Jeanne Ryan
Newton Compton
Prezzo: 10.00 €
eBook: 4.99 €

Trama: Quando Vee viene selezionata come concorrente per il gioco in diretta online Nerve, scopre che il gioco la conosce. Gli organizzatori l’hanno attratta e convinta a partecipare con premi allettanti e con la promessa di fare coppia con il ragazzo perfetto, il brillante e sensuale Ian. In un primo momento Nerve si rivela incredibilmente divertente: i fan di Vee e Ian tifano per loro e li spingono ad alzare la posta con imprese sempre più rischiose. Ma il gioco ha una svolta poco chiara quando i partecipanti vengono indirizzati verso una località segreta con altri cinque giocatori per il round del Grand Prize. Improvvisamente stanno giocando il tutto per tutto e in palio c’è la loro vita. Fino a che punto il sangue freddo di Vee la sosterrà per andare avanti?

Nerve è un gioco senza scrupoli che sfrutta le debolezze del giocatore per fare soldi attraverso gli spettatori. Proponendo premi che potrebbero convincere il giocatore a cambiar vita, si mette a rischio la propria integrità per avere follower e soldi. 

Il pubblico è la nostra assicurazione: ecco il mio nuovo mantra. Quanti reality show si sono affidati a questo principio per evitare che i concorrenti si ammazzassero tra loro?

Nerve dovrebbe essere un libro autoconclusivo ma vengono lasciate molte questioni in sospeso, anche se il fulcro è la “partita” che giocano Ian e Vee, giocatori scelti per gareggiare insieme, già dopo le prime prove. L’intero libro segue una linea temporale di pochi giorni e la maggior parte della narrazione occupa lo spazio di una notte, un modo per aumentare anche la tensione nel lettore. Per essere una storia senza sequel ci sarebbero voluti più approfondimenti anche perché molte situazioni vengono accennate e non approfondite.

La storia in sé è molto interessante e originale, porta a riflettere sulla dipendenza dai social e a cosa possono portare se vengono utilizzati in modo sconsiderato.

I personaggi sono poco approfonditi, questo perché ovviamente li conosciamo per pochissimo tempo e in una situazione che non permette vere e proprie presentazioni; Vee ha delle motivazioni assurde che non ritengo basi sufficienti per spingersi a compiere alcune sfide, che arrivano a far rischiare la vita per dei premi del tutto materiali. 
Il personaggi di Ian è meno approfondito, lo si conosce poco ed è un peccato perché aveva davvero del buon potenziale.
Sydney è il classico personaggio inutile ai fini della storia mentre Tommy è stranamente sorprendente, anche per lui avrei quindi voluto più storia, più pagine, magari un libro in più. 

Narrato in prima persona, ci porta nella mente di Ve e si percepiscono le sue emozioni e la tensione crescente che coinvolge il lettore.
Mi è piaciuta la storia e il tipo di narrazione, anche se dopo questo libro credo avrò gli incubi a dormire con il cellulare nella stessa stanza.

Valutazione? Ah si, dopo i consigli ricevuti da altre blogger, utilizzerò le “stelline” anche io. Grazie per l’aiuto! 

E voi avete già letto questo libro? Lo leggerete? Io ve lo consiglio ma leggetelo con la luce accesa!

Scheggia

About Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

6 thoughts on “[Recensione] Nerve di Jeanne Ryan

  1. Claudia

    Sono pienamente d’accordo con tutto quello che hai detto! Bella la storia, ma troppe cose poco approfondite…

    Reply

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.