[Recensione] Oblivion I – Obsidian attraverso gli occhi di Daemon di J.L. Armentrout

Buongiorno Lettori e buon inizio di settimana!

Oggi sul blog vi parlerò di un libro uscito un po’ di tempo fa e che mai avrei pensato di comprare, ovvero Oblivion I – Obsidian attraverso gli occhi di Daemon. Normalmente non compro mai questo genere di libri, mi accontento di un PoV se previsto nella storia, tuttavia in questo caso il destino ha deciso di metterci lo zampino. Mesi fa proprio a Roma è venuta J.L. Armentrout e lo sapete, io la amo. Per accedere all’evento era necessario aver acquistato un libro nella libreria che ospitava l’evento e, dopo aver controllato i volumi in mio possesso, ho deciso di prendere questo proprio perché avevo amato follemente la serie Lux.
Il risultato? Daemon è ancora il mio preferito!

Oblivion I – Obsidian attraverso gli occhi di Daemon
J.L. Armentrout
Giunti Editore
Prezzo: 12.00 €
eBook: 4.99 €

Trama: Una vicina di casa umana era l’ultima cosa che Daemon, alieno senza più patria, potesse desiderare. Ma, per quanto si sforzi, non riesce proprio a ignorare Katy. La spia dalle siepi del giardino, dalla finestra. Quella ragazza così semplice e indifesa lo incuriosisce, lo affascina e ciò può essere molto pericoloso, per tutti. Daemon lo sa, le relazioni con gli umani possono avere conseguenze tragiche. È così che ha perso suo fratello. Quindi fa di tutto per rendersi insopportabile in presenza di Katy.
Ma quando accade qualcosa di inaspettato e Daemon, per salvare la ragazza, è costretto a rivelarle la sua vera identità, tutto cambia. I due, invece che allontanarsi, ora sono legati da un destino ineluttabile come l’amore che si sta insinuando nei loro cuori. Ma questa volta la storia è raccontata da Daemon in persona. Siete pronti a leggere nella sua mente? Cosa ha pensato Daemon la prima volta che ha visto Katy? E come ha vissuto, lui, il primo bacio? E, soprattutto, cosa faceva quando non era con lei? Sicuramente cose che gli umani non possono nemmeno immaginare… fino a ora.

La afferrai per la vita e le presi una mano. E tra le mie braccia sembrava perfetta, come se fosse nata per quello.

Daemon Black è un alieno. L’abbiamo conosciuto in Obsidian, primo volume della serie Lux, ma l’abbiamo visto con gli occhi di Kat, una Book blogger trasferitasi da poco nella casa accanto a quella degli alieni.
La serie Lux è composta da cinque volumi, ma i primi tre sono narrati esclusivamente con il PoV di Kat, la protagonista femminile e forse per questo motivo l’autrice, J.L. Armentrout, ha deciso di pubblicare i primi tre volumi anche con il PoV di Daemon, per svelare ai lettori quei punti oscuri e sconosciuti.

Ho amato e divorato la serie Lux. Inutile negarlo. Ho parcheggiato il mio posteriore su una poltrona per sette giorni, leggendo tutti e cinque i volumi della serie, complici due ebook omaggio sul kindle e l’assenza di esami in quel periodo (almeno credo). All’inizio ho evitato questa saga, un po’ per la presenza degli alieni e un po’ per delle cover che, inutile girarci intorno, sono davvero, davvero, ma davvero brutte.
Fortuna ha voluto che, dopo poche pagine, io mi sia innamorata perdutamente di Daemon Black!

Queste tante premesse per dirvi che in realtà è stato strano leggere questo libro, interamente narrato dall’alieno e che tuttavia mi ha permesso di scoprire molte cose di lui, pensieri profondi che ignoravo avendo vissuto i primi tre libri con gli occhi di Kat.
La storia ci mostra il totale disagio vissuto dal protagonista sin dall’inizio, quando Kat si trasferisce nella casa accanto alla sua, ma soprattutto ci racconta i suoi dubbi e le sue incertezze. Vediamo un Daemon diverso da Obsidian, perché qui abbiamo una finestra aperta sui suoi pensieri: la paura di perdere la sorella, l’incertezza del futuro a causa della scomparsa del fratello, la lotta interiore che affronta, combattuto tra i sentimenti nascenti verso Kat e il desiderio di allontanarla per il suo stesso bene.

Si aprono squarci e vengono colmati i vuoti del primissimo libro ma soprattutto, attraverso la penna di J.L. Armentrout, riusciamo a scoprire davvero i sentimenti di Daemon, a volte semplici esaltazioni adolescenziali, altre veri e propri pensieri profondi, dettati dalla sua condizione di straniero sul Pianeta Terra.

Kat uscì dal negozio con più libri di quanti un essere umano avrebbe potuto leggere in una vita, e si fece tutto il tragitto verso casa con quel sorriso stampato in faccia, quel bellissimo sorriso che vedevo così raramente. Cominciò a chiacchierare dei libri che aveva comprato e, anche se io non dicevo una parola, non si dava per vinta.
Era felice.

Daemon non solo ci fa capire quanto sia preoccupato per la sorella e la sua famiglia, ma ci porta a conoscere Kat con i suoi occhi. Assistiamo alla nascita di un sentimento forte e soprattutto ci permette di emozionarci per l’intensità dei suoi pensieri. Chi legge si rende conto di quanto, pagina dopo pagina, stiano mutando le emozioni da lui provate, facendoci scoprire il lato umano e sensibile di questo alieno che a volte vorrebbe solo sentirsi normale.

Lo ammetto: ormai per me la Armentrout è una garanzia. La sua scrittura è delicata eppure mostra spessore in un genere che normalmente si potrebbe definire leggero. Non fa scaturire l’amore in pochi giorni, ma ci porta a valutare la situazione, a capire come i sentimenti possano mutare giorno dopo giorno. Se non fosse stato per il suo nome non avrei mai comprato un volume del genere, questo perché normalmente detesto i libri doppi, quelli che presentano successivamente dei PoV diversi, tuttavia sono felice di aver letto questo perché ho potuto immergermi nuovamente in una saga da me amata, scoprendo un lato nascosto del protagonista maschile.

Il mio consiglio è comunque di cominciare a leggere la serie partendo da Obsidian e magari leggere Oblivion I prima di Onyx (Lux Vol. 2), questo perché in Obsidian abbiamo una panoramica maggiore sugli eventi legati a Kat, vera protagonista del primo romanzo. La lettura di Oblivion I è tuttavia utile per colmare i vuoti e scoprire cosa fa Daemon nei momenti in cui Kat non c’è, inoltre ci permette di scoprire qualcosa in più sul rapporto che lega gli alieni al Dipartimento della Difesa, organo importante in questa serie. Non ho trovato questo libro un mero doppione, bensì un volume ben strutturato, utile a tutti coloro che hanno amato questa serie.

E voi avete letto questo volume? O avete mai iniziato la serie Lux? Io ve la consiglio, soprattutto se amate quei fantasy con una forte predominanza dell’elemento romance. Kat e Daemon vi faranno innamorare e arrabbiare e vi garantisco che, volume dopo volume, sarà un crescendo di emozioni!

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

2 Replies to “[Recensione] Oblivion I – Obsidian attraverso gli occhi di Daemon di J.L. Armentrout

Leave a Reply to Scheggia Cancel reply