[Review Party] Il Sognatore di Laini Taylor

Buongiorno Lettori!

Oggi è un fantastico venerdì! Perché? Beh perché ieri è uscito il nuovo libro di Laini Taylor e io ho avuto la fortuna e il piacere di leggerlo in anteprima. Che dire? Se siete tra gli amanti de La Chimera di Praga, non potrete non amare questo suo nuovo lavoro, simbolo di una grande crescita dell’autrice stessa.

Il sognatore
Laini Taylor
Fazi Editore
Prezzo: 14.50 €
eBook: 6.99 €

Trama: È il sogno a scegliere il sognatore, e non il contrario: Lazlo Strange ne è sicuro, ma è anche assolutamente.certo che il suo sogno sia destinato a non avverarsi mai. Orfano, allevato da monaci austeri che hanno cercato in tutti i modi di estirpare dalla sua mente il germe della fantasia, il piccolo Lazlo sembra destinato a un’esistenza anonima. Eppure il bambino rimane affascinato dai racconti confusi di un monaco anziano, racconti che parlano della città perduta di Pianto, caduta nell’oblio da duecento anni: ma quale evento inimmaginabile e terribile ha cancellato questo luogo mitico dalla memoria del mondo? I segreti della città leggendaria si trasformano per Lazlo in un’ossessione. Una volta diventato bibliotecario, il ragazzo alimenterà la sua sete di conoscenza con le storie contenute nei libri dimenticati della Grande Biblioteca, pur sapendo che il suo sogno più grande, ossia vedere la misteriosa Pianto con i propri occhi, rimarrà irrealizzato. Ma quando un eroe straniero, chiamato il Massacratore degli Dèi, e la sua delegazione di guerrieri si presentano alla biblioteca, per Strange il Sognatore si delinea l’opportunità di vivere un’avventura dalle premesse straordinarie.

«Lo ammetto, preferisco una mente aperta a una chiusa», disse.
«E tu chiami mente aperta quella che crede a uomini che scendono dal cielo volando su ali fiammeggianti?».
«E donne», puntualizzò Lazlo. «Una specie composta di soli maschi è misera».
«Inesistente, dire», sottolineò Calixte. «Gli uomini mancano sia di grembo, sia di buon senso».

Avete presente quelle storie che vi prendono e vi trasportano in un mondo attraverso le parole, lasciandovi sognare e credere che l’atmosfera onirica ci sia sempre stata, intorno a voi?
Ecco, Laini Taylor è riuscita a rendere questo libro un vero sogno, dal titolo al finale, che in realtà apre le porte al seguito e ci lascia col fiato sospeso, come uno di quei finali di stagione alla Grey’s Anatomy, con tragedie, aerei che cadono, fulmini che uccidono, spari improvvisi.

Lazlo è il protagonista di questo primo libro, un bibliotecario che sogna la città di Pianto, cresciuto in mezzo ai monaci e che non ha mai smesso di studiare quella città che ha cancellato il nome dalle sue labbra.
Sfruttando la possibilità di abbandonare il suo semplice lavoro di bibliotecario, si unisce al gruppo di delegati scelti dal Massacratore degli Dèi, pronto a raggiungere la Città Invisibile e vedere la realtà con i suoi occhi.

Perché cos’era una persona se non la somma di tutti i frammenti della propria memoria ed esperienza: una serie finita di elementi, con un’infinita varietà di espressioni.

Questo è un libro difficile da recensire, questo perché si vive di rischio spoiler, tuttavia voglio dirvi che è un ottimo primo libro, che presente dei personaggi già ben caratterizzati e che lo stile della Taylor mischia fantasy e poesia, riuscendo a catturare il lettore in una ragnatela di sensazioni, portandolo verso un finale che, anche se forse un po’ prevedibile, è sicuramente di grandissimo impatto emotivo.
In questo primo libro si concentra molto sui personaggi di Lazlo, Sarai, Minya e Thyon tuttavia spero che nel seguito ci sia spazio anche per gli altri, secondo me molto importanti ai fini della storia.

Perché non cinque? Perché spero di riservarlo per il gran finale! Sono convinta che Laini saprà stupirci e ci regalerà un finale con i fiocchi (se d’amore o funebri, lo scopriremo credo tra un anno).
E voi lo leggerete? Vi piace questa autrice? Oggi, oltre alla mia recensione, troverete anche quella di Loving Books e vi consiglio di passare a leggerla!

Scheggia

 

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

5 Replies to “[Review Party] Il Sognatore di Laini Taylor

  1. Devo leggere il secondo volume subito! Aspetto novembre come se non esistesse altro nella vita! Lode e gloria a Laini *.*
    Baci,
    Bookishbrains

  2. A voglia se mi piace questa autrice, è sadica, e ne sono felice!
    Super curiosa per il secondo volume!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.