[SalTo16] Una vita di libri. Italian Book Challenge.

Miei cari Lettori, questo sabato è denso di notizie! Come vi avevo detto nei giorni passati, avrei dedicato un post ad un evento in particolare al quale avevo partecipato al Salone del Libro di Torino, ed è per questo che oggi mi sono decisa, avendo finalmente un po’ di tempo a mia disposizione, a scrivere questo post per farvi conoscere (ma sono sicura che in molti già sanno di cosa parlo) l’Italian Book Challenge!

L’incontro si è tenuto Domenica 15 maggio alle 12.00, presso l’Independent’s Corner e intervenivano Serena Casini e Ludovica Giuliani.

Perché ho voluto scrivere un articolo relativo a questo incontro? Perché ne sono rimasta davvero stupita e so già che, se il prossimo anno sarò meno carica d’impegni, proverò a partecipare all’Italian Book Challenge.

E durante l’incontro si parlava proprio di cos’è questa IBC!

Se ne è parlato su diversi siti e su Facebook potrete trovare la loro pagina con tutte le informazioni (Italian Book Challenge Facebook) ma altro non è che un concorso, promosso da 35 librerie indipendenti in tutta Italia, che prevede la lettura di 50 libri entro dicembre. Visti i dati Istat è sicuramente un’iniziativa da tenere d’occhio e se come me non partecipate quest’anno, sappiate che è già in corso la scelta delle 50 categorie per il prossimo anno.

IBCLibrerie

Le 50 categorie che fanno parte di questa IBC16 sono le seguenti:

IBCLibri

Facile non è, ma sicuramente non ci sarebbe gusto se fosse semplice. Ovviamente, ci si può far aiutare dai librai a trovare i libri che possono rientrare in una categoria, compilando così la tessera per tenere il conto dei libri letti. Un esempio è in questa foto, presa dalla loro pagina Facebook.

                               Foto presa dalla pagina Facebook dell’IBC.

Tra le tante cose belle di quell’incontro e le testimonianze di chi partecipa a questa iniziativa, ho apprezzato tantissimo alcune idee che sono state proposte da Serena Casini e Ludovica Giuliani, ovvero quella di creare una Maratona con 80 categorie invece di 50, con un super vincitore e anche – questa è quella che ho apprezzato di più – la creazione di un Italian Book Challenge per i bambini, con meno categorie ma con la possibilità di avvicinare i bambini delle scuole alla lettura.

Si! A me questo incontro è piaciuto davvero tanto e devo ringraziare Serena e Ludovica per averne parlato al Salone del Libro 2016.

Il prossimo anno spero davvero di partecipare all’IBC, intanto chi di voi sta partecipando all’edizione 2016? A che punto siete?

Fatemi sapere…

Scheggia

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.