[Recensione] Le Sorelle Bunner di Edith Wharton

Buon pomeriggio Lettori!

Oggi finalmente vi parlo di un libro che ho molto apprezzato, pubblicato dalla Elliot editore, che ringrazio per la copia. Il libro è Le Sorelle Bunner di Edith Wharton, la stessa autrice di L’età dell’innocenza.

Le Sorelle Bunner, Edith Wharton, Elliot edizioni, l'età dell'innocenza, gossip girl, premio Pulitzer, romanzo, libro breve, povertà, cambiamento, famiglia, matrimonio, recensione, libro bello, recensione positivaLe sorelle Bunner
Edith Wharton
Elliot Edizioni
Prezzo: 14.50 €

Trama: Ann Eliza ed Evelina Bunner gestiscono una bottega di fiori artificiali e piccoli oggetti cuciti a mano in una zona povera di New York. La loro vita tranquilla cambia il giorno in cui Ann Eliza, la sorella maggiore, regala a Evelina un orologio. Metafora tangibile del tempo che passa, questo minuscolo evento sarà l’innesco di una serie inarrestabile di cambiamenti: dall’incontro con il venditore dell’orologio, Herman Ramy, che possiede «il negozio più strano del mondo», fino alla presa di coscienza che la loro rassicurante routine è divenuta una «intollerabile monotonia» a cui porre rimedio.

Divisore Scheggia

Le Sorelle Bunner è uno dei libri brevi scritti da Edith Wharton, vincitrice del Premio Pulitzer nel 1921 con L’età dell’innocenza.
In questo volume, di neanche 120 pagine, Edith Wharton ci porta a conoscere Ann Eliza ed Evelina, due donne sole che portano avanti una bottega di fiori artificiali e oggetti cuciti a mano.

Non vivono una vita semplice, anzi la povertà è uno spettro sempre presente e si ha un barlume di speranza quando Ann Eliza decide di regalare un orologio a Evelina, per festeggiare il suo compleanno.
L’orologio però rappresenta il cambiamento, lo scorrere del tempo e i giorni che mutano, con nuove presenze nelle loro vite.

Remy diventa l’elemento di disturbo e il vero cambiamento, tuttavia sembra insidiarsi nelle vite delle donne come un granello di polvere negli ingranaggi dell’orologio.

È un libro breve, diviso in due parti, eppure Edith Wharton riesce a delineare perfettamente il carattere e le inclinazioni delle due donne, con i loro desideri e anche le loro paure.
Remy è controverso fin dall’inizio, così come i personaggi che lo circondano, si mostra come l’elemento di disturbo che in qualche modo mina alla stabilità delle due sorelle, prendendo la forma di una frattura tra le due.

La prima parte scorre molto lenta e la scrittura in effetti non aiuta, poco scorrevole, ma nella seconda parte c’è un vero plot twist che riesce a catturare il lettore e non lo molla più fino alla fine.

È il negozio stesso, simbolo dell’unione e della complicità tra le sorelle, a soffrire maggiormente il cambiamento, vittima delle lancette dell’orologio che per tutto il tempo si rende protagonista del mutare degli eventi.
È un libro breve ma personalmente l’ho trovato piuttosto avvincente e credo sia un ottimo inizio per approcciarsi a questa autrice, della quale sicuramente recupererò altri libri.

Un’ottima lettura. Sono felice di aver finalmente letto qualcosa di Edith Wharton!

Scheggia

Cartaceo

Scheggia

Sono Scheggia ma in realtà sono Deborah e ho una passione sfrenata per la lettura. Entro in libreria ogni volta che ne ho l'occasione, passo ore e ore a guardare i libri, cerco le novità ma anche quelle che non lo sono più. Sono una di quelle lettrici che invadono casa di libri, ne compro in continuazione anche se ho già altre letture prese in precedenza. Amo il mondo dei libri e dell'editoria ed è per questo che la mia più grande aspirazione è entrare in una casa editrice e lavorarci. Io continuo a sperare!

Commenta se ti va, io sarò ben lieta di rispondere.